martedì 29 maggio 2012

biscotti caromut


Stamattina la terra ha tremato ancora in Italia, epicentro di nuovo l'Emilia, e un mio pensiero va a tutte le persone che sono state colpite dalle scosse, che hanno perduto la casa, una persona cara, ai feriti, ai dispersi, a chi già passa le sue notti nelle tende dopo le terribili scosse del 20 maggio. Posso solo immaginare la paura e l'angoscia di questa gente. E forse da qui non riesco a rendermi davvero conto di quanto sia grave la situazione. Chiedo ai miei contatti su facebook come stanno, vedo immagini catastrofiche, paesi che mi sembrano rasi al suolo, il numero di vittime che cresce. Però vedo anche persone coraggiose che reagiscono, che dimenticano se stesse e aiutano gli altri, che non perdono la speranza. Anche se vivo un po' lontana, isolata su questo scoglio in mezzo al Mediterraneo, la mia patria è l'Italia e vedere la mia gente ferita mi fa male. Vorrei abbracciare forte tutto il centro e il nord Italia e augurargli di cuore che possano svegliarsi presto da quest'incubo.

Questi sono biscotti per il tè che ho infornato per Dani ieri notte. Volevo preparargli dei biscotti al naturale, senza burro e zucchero. Non ci sono neanche latte e uova. Sono biscotti di carote, mandorle e cannella, dolcificati con sciroppo di riso. Ho preso ispirazione da questo libro, la ricetta originale però è diversa sia negli ingredienti che nel procedimento. Chi la volesse me la chieda pure. Tempo fa ho provato altri biscotti di kamut, i ciokamut. Erano buoni ma devo dire che i caromut lo sono di più. Sono morbidi, più dolci e golosissimi. Tra poco li prenderemo insieme a una tazza di tè verde, il bancha fiorito che abbiamo preso domenica da Théophile

ingredienti: 250 gr di farina di kamut, 150 gr di sciroppo di riso, 150 gr di carote, 50 gr di mandorle, 60 ml di olio extravergine d'oliva, una bustina da 16 gr di lievito in polvere, la buccia grattugiata di 1 limone, 1 cucchiaino raso di cannella in polvere, un pizzico di sale.
preparazione: con un mortaio ho ridotto le mandorle in piccoli pezzetti e le ho messe da parte. Ho lavato e sbucciato le carote, le ho sistemate in un pentolino pieno d'acqua e le ho fatte bollire. Quando sono diventate morbide le ho messe in un mixer al quale ho aggiunto la scorza grattugiata del limone e la cannella in polvere. Ho azionato il mixer, poi ho aggiunto le mandorle pestate e ho mixato ancora, infine l'olio e lo sciroppo di riso e ho mixato di nuovo fino a che ho ottenuto un composto omogeneo. L'ho spostato in una terrina più grande dove ho aggiunto la farina. Ho mescolato bene e solo all'ultimo ho aggiunto il lievito. Nel frattempo avevo già fatto riscaldare il forno a 190°. Ho messo il composto in una sac à poche e ho spremuto l'impasto sulla teglia. Ho infornato per 15 minuti circa, togliendo i biscotti appena li vedevo dorati. Nella prima teglia ho fatto biscotti di grandi dimensioni, nella seconda biscotti più piccoli. I primi sembrano quasi dei tortini e alcuni di questi per via della loro morbidezza e pesantezza si sono rotti in due. I secondi invece, più piccoli, non si sono rotti, ma sono troppo piccoli per assaporarli con gusto. Dunque consiglio di farli grandi. 

9 commenti:

  1. Bellissima ricetta, così naturale. Ma lo sciroppo di riso dove si trova? ammetto che non l'ho praticamente mai sentito nominare.

    RispondiElimina
  2. @cey: io lo trovo negli alimentari bio, insieme ad altri dolcificanti come il malto d'orzo, lo sciroppo d'acero etc :)

    RispondiElimina
  3. biscotti alternativi, potrebbero aiutare anche l'abbronzatura ^___^

    RispondiElimina
  4. belli questi biscotti, golosi, sfiziosi e sani... proprio il mio genere, quelli che preferisco!
    anche il mio pensiero va alle persone che vivono in quelle zone disastrate. resistete.

    RispondiElimina
  5. @astro: con tutta quella carota, potrebbe darsi ^^

    @donatella: cara Donatella, sembrano quasi delle tortine di carota (quasi), tanto sono morbidi. Sì, questa cosa potrà risultare strana per molti ma sono golosi anche se non hanno il burro. E l'olio d'oliva non "disturba" affatto, anzi non si sente proprio. Perfect ^^

    RispondiElimina
  6. Buonissimi!!!!! Ma vanno conservati in frigo?

    RispondiElimina
  7. @arianna: ciao! Non c'è bisogno di metterli in frigo, io li ho conservati in un barattolo di latta e si sono mantenuti morbidi :)

    RispondiElimina
  8. ciao barbara ho scoperto il tuo blog vagabondando di qua e di la e ne sono rimasta colpita, mi piacciono le tue foto e il tuo modo di renderci partecipi della tua vita da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare sul mio blog ciao rosa

    RispondiElimina
  9. @rosa-kreattiva: ciao Rosa! Grazie di essere passata di qua e di avermi lasciato un messaggio. Ricambierò volentieri la visita, promesso ;)

    RispondiElimina